Cerca
  • caroamicomio

... riparto da dove vi ho lasciato!

Buongiorno e Bentornati su Caro Amico Mio Blog.

Buongiorno a chi sta andando a lavoro o chi sta leggendo questo articolo sdraiato su una sdraio al sole, buongiorno a chi ha affrontato una giornata pessima spero che il mio BUON GIORNO sia per domani… insomma Buongiorno e Bentornati su Caro Amico Mio Blog.

Oggi come promesso voglio finire il riassunto della mia tei sullo stress presentata all’esame di istruttrice cinofila presso DobreDog.

L’articolo è suddividono in due parti quindi se non avete letto ancora il primo articolo fatelo …

Prima di iniziare a finire voglio ricordarvi :

-----------

Ti ricordo di seguirmi su Facebook nella mia pagina @caroamicomioblog e su Instagram :https://www.instagram.com/caroamicomioblog

Facciamo un piccolo riassunto.

Abbiamo parlato settimana scorsa dello stress. Lo stress in modi diversi è sempre esistito, anzi possiamo affermare che è necessario per la nostra stessa sopravvivenza, perché tutto ciò che ci circonda è destinato al cambiamento e lo stress ci permette di adattarci a queste nuove realtà, quindi possiamo definirlo un fenomeno ambientale.

Cosa succede quando l’organismo è sotto stress?

Nel momento in cui si verifica un evento stressante l’organismo reagisce immediatamente con la liberazione di alcuni ormoni che vengono comunemente chiamati ormoni dello stress e influenzano le funzioni organiche in maniera tale da predisporre risorse adeguate alla reale o presunta maggiore richiesta.

Quali situazioni possono causare stress?


Carenza di sonno : Essa è provocata da malattie o dolore oppure dal fatto che al cane non è concessa la possibilità di fare sufficienti pause di riposo.

Cambiamenti improvvisi : bruschi mutamenti come traslochi, nuove nascite in famiglia, cambio di proprietario dovrebbero essere gestite dall’uomo in modo da recare il minimo disagio al cane.

Lutto per la perdita di un amico : i cani si affliggono per …..

EBBENE SI FINIAMO IL DISCORSO!


i cani si affliggono per la perdita del compagno umano o di altri animali con cui hanno vissuto, oppure di semplici compagni di giochi nelle passeggiate quotidiane. Il grado e la durata del lutto dipendono da quanto era forte il legame con il soggetto venuto a mancare.

- Agitazione, violenza e aggressività nel contesto sociale: il cane è molto sensibile percepisce l’atmosfera negativa causata da litigi, tensione costante, toni elevati e irritati in famiglia o sul posto di lavoro dove viene condotto.

- Comportamenti incomprensibili del cane: la mancanza di conoscenze specifiche porta spesso l’uomo a interpretare in modo errato, e magari a punire comportamenti che sono assolutamente corretti dal punto di vista dell’animale, esempi tipici sono i presunti comportamenti dominanti.

- Malesseri fisici : lo stress può essere causato da malesseri fisici come fame, sete, freddo, caldo, rumore e impossibilità di soddisfare le proprie necessità fisiologiche.

- Abbinamenti sbagliati in casa con più cani : quando i cani, che non si trovano bene insieme, sono costretti a vivere nella stessa casa non è detto che si arrivi immediatamente alla zuffa, con tanto di morsi, ma il continuo evitarsi e l’aggirarsi guardingo l’uno intorno all’altro, provoca enorme stress.

- Il cane è sovraccarico dalle necessità emotive del proprietario : il cane spesso viene umanizzato e quindi non è più percepito come tale, a volte viene sommerso di amore e attenzione per essere poi messo da parte a secondo degli impegni del proprietario; nessun cane può reggere tale variazione emotive senza risentirne.

Ogni cane è diverso e lo è anche il modo di affrontare lo stress, per questo è importante osservare il nostro cane, imparare a conoscerlo e a riconoscere i suoi comportamenti di stress, perché questo ci aiuta a costruire una mappa di quello che lo fa star bene e del momento in cui oltrepassa il confine tra stare bene e stare male.

Ricordiamo questi brevi passaggi: se il nostro cane esibisce un comportamento di stress dobbiamo guardarci intorno e chiederci cosa lo ha causato. Il passo successivo è chiederci come possiamo aiutare il nostro cane, sia in quel momento che in futuro e non possiamo certo impedire che il nostro cane provi qualunque tipo di stress, ma dobbiamo capire se è stressato, quanto è stressato e da cosa.


Analizziamo solo alcuni sintomi dello stress :


- Nervosismo il cane si spaventa molto facilmente appare distratto e nervoso.

- Irrequietezza si manifesta con il continuo camminare avanti e indietro senza riuscire a rilassarsi, non ha pace nemmeno nel suo angolo di casa preferito o nella sua cuccia e ogni rumore lo mette in allerta; spesso questi cani al guinzaglio tirano forte come se dovessero scappare da qualcuno o qualcosa che dà loro la caccia.

- Reazioni eccessive il cane reagisce con ansia paura o aggressività ad eventi e situazioni in cui normalmente resterebbe tranquillo e composto.

- Esagerata cura del corpo il cane si lecca fino a ferirsi, le zone interessate più frequentemente sono le zampe, la coda e la zona genitale; quando le ferite sono profonde e dolorose il corpo sprigiona endorfine, le molecole della felicità, che leniscono il dolore e sollevano l’umore.

- Danneggiamento degli oggetti questo è un segnale di forte stress soprattutto quando il cane viene lasciato solo.

- Espressioni vocali esagerate L’abbaiare insistentemente e il continuo guaire e mugolare, interpretati spesso come comportamenti di protesta, non è raro che siano il segnale di un cane molto esaurito e stressato.

- Disturbi intestinali diarrea e vomito sono sintomi più frequenti di stress in corso.

- Allergie lo stress è ritenuto concausa per l’insorgenza di allergie di ogni tipo: alimentare, agli acari, ai morsi delle pulci, ai pollini, alle erbe e agli antiparassitari.

- Inappetenza denota un cane fortemente stressato; tipico comportamento di quando un cane viene lasciato in pensione, un luogo a lui non familiare o dove non si trova bene, lo stesso avviene durante il training quando le richieste superano le sue capacità.

- Voracità il cane ingoia freneticamente tutto ciò che riesce a trovare commestibile e non commestibile, questo comportamento può essere pericoloso. In questo caso deve essere trovata la causa dello stress e deve essere rimossa altrimenti il cane cercherà modi di compensazione alternativi.

- Odore sgradevole e alito cattivo l’alito pesante è legato all’eccessivo ansimare, l’aumento di secrezione gastrica indotto dallo stress è la causa dell’odore sgradevole.


Ricordiamo questi brevi passaggi: se il nostro cane esibisce un comportamento di stress dobbiamo guardarci intorno e chiederci cosa lo ha causato. Il passo successivo è chiederci come possiamo aiutare il nostro cane, sia in quel momento che in futuro e non possiamo certo impedire che il nostro cane provi qualunque tipo di stress, ma dobbiamo capire se è stressato, quanto è stressato e da cosa.

Rivolgetevi ad un istruttore cinofilo per qualsiasi consiglio o su quale strategia di coping usare per rendere la vita più piacevole al vostro cane.

------------------------------

Anche oggi il nostro articolo è finito! Se avete domande da farmi non esitate a mandarmi una email o un messaggio.

Se avete voglia seguite la mia pagina instagram : @caroamicomioblog.

CONSIGLIO PER TE QUESTO LIBRO : https://amzn.to/2WzsMgV

E caro lettore GRAZIE che anche oggi hai letto un mio articolo!

Alla prossima settimana.

——————————

23 visualizzazioni

Follow Us on Instagram:

SEGUIMI SU INSTAGRAM
  • Instagram - White Circle
@caroamicomioblog

©2019 Design by Asia Diversi.
Social media Manager

  • Black Instagram Icon